Natural Weight Loss Guide should become your way. Most Healthy Food can help you make positive food and nutrition choices. Anti-aging diet based on recommendations from leading health experts. Canon Digital Photo Professional Professional Photography Tips women's health encyclopedia Canon Hacker's Development Kit Photographer's Guide Canon DSLR
Benvenuto!
Connessione Salva password

Nuova registrazione Password dimenticata?

Dodecalogo del Ritiro 2007 Bufera e Buferiani
di siracide, 13 Luglio 2007 stampa
Ovvero la cronaca dell'evento, denominato quest'anno "ruttiro", in 12 stazioni a mo' di via crucis.

ORTO DEGLI ULIVI

Il tutto comincia con le preghiere via mail, con gli sms, con le prenotazioni, con Roda, l'addetto ai ritiri, che invece di sentire direttamente l'interessato chiede a Siracide cosa farà Gude, il quale sconvolto, raffreddato e sfinito declina l'invito ad una classica del riposo (solitamente lui dorme per 42 delle 48 ore circa dei ritiri).

 

1^ STAZIONE: VIENE INVIATO UN MESSO AD ANNUNCIARE L'ARRIVO DEL PRESIDENTE

Per Siracide, fedele alla promessa, il ritiro inizia alle 16.09 del venerdì; sale in treno con la bici presso la ridente stazioncina di Anconetta per portarsi a Thiene ed iniziare ad annunciare la buona novella lungo il percorso.
Inizia proprio bene perchè sale dalla porta anteriore e il ferroviere di turno con modi alquanto sgarbati lo fa scendere e risalire da quella posteriore (identica alla prima, ma col simboletto per le bici); facendo questo, il ferroviere non ha nemmeno ascoltato Siracide che chiedeva la vidimazione del biglietto... per cui... viaggio gratis, tiè.
A Thiene un caffè e poi via sulla bici alla bersagliera (ma con la sella, non come Fantozzi): ore 16.45.
Nei pressi di Zanè primo contatto sms col Presidente

Sir. "son partito"
Presid. "Attento ai TIR"
Sir. "Quali TI..aaaaaaaah"

Siamo quasi in fondo alla discesa in direzione Arsiero, pronti per sfruttare lo slancio per la breve salita che porta al paese, ma ecco che lo slancio viene bloccato da una telefonata.
E' Dalle che sta cercando di entrare in un computer di cui è stata smarrita la password: dopo varie indicazioni e tentativi falliti si rimanda l'operazione di 5-6 giorni (poi riuscita).
Senza slancio viene così raggiunto Arsiero e poi Pedescala, da dove parte un altro sms ad alcuni Buferiani
Sir. "Via il caschetto, fuori la bandana e salgo in maglia rosa a Castelletto di Rotzo", per adempiere alle scritture del profeta Ghiotto che aveva consigliato quel percorso di pellegrinaggio
Pres. "Bevi qualcosa"
Ghiotto. "Grande! Assapora ogni centimetro di salita anche per me. E spero che hai la mantella perchè in cima alle otto fa freddo. saluta tutti quanti ciao Roby"

A Rotzo Siracide ci arriva abbastanza a pezzi, ma una fanciulla al bar gli porge mezzo litro di coca-cola e lui riparte.
Roana e poi stradina che taglia verso il laghetto per sbucare al Ghertele sulla strada che va a Passo Vezzena; stradina splendida in mezzo al bosco, una pace incredibile, il passaggio più bello del percorso. La lunga lieve salita per arrivare al Passo è invece un po' noiosa, ma finalmente finisce.
Ancora 9 km. circa con discesa, un po' di risalita e picchiata finale fin dentro il Bellaria: ma appena iniziata la discesa salta un raggio della ruota posteriore (e, somma sfiga, come sempre dalla parte della ruota libera)... per cui altro che picchiata, l'arrivo è a rilento, ma l'operazione è conclusa: Siracide annuncia a Fabrizio l'imminente venuta del Presidente e si appresta ad una doccia ristoratrice.
km.70,2 - vel. media 19,9 - vel max 59,1 - calorie consumate 1147,2 - tempo effettivo di percorrenza 3°31'20"

siro-doccia

A conclusione del ritiro, il ritorno in bici (con ruota di scorta gentilemente portata dall'ammiraglia guidata da Scalchi) dalla versante opposto della Valdastico, con discesa a Carbonare, salita a Folgaria, poi Fiorentini e discesa per Tonezza fino ad Arsiero, quindi Thiene... ma il treno passava dopo un'ora e allora... via, muso duro e bareta fracà, fino a Bertesinella.
km.90 (per la cronaca fino a Thiene km.64) - vel. media 26,3 - vel max 53 - calorie consumate 1992,2 - tempo effettivo di percorrenza 3°25'00"
Luchetta: "Bravo. Sarebbe stato un peccato prendere il treno e non portare a termine l'impresa fino a casa."
Pres. "Infatti mi pareva di avre visto in tv al tour uno in fuga"
Polo. "Bravo adesso lavati che puzzerai..."

siro-bici

 

 

2^ STAZIONE: UN DISCEPOLO SI SACRIFICA PER TUTTI E IL PRESIDENTE CADE LA PRIMA VOLTA

Siamo in coena domini, quella cena del ritiro, particolare e unica, non solo perchè non si svolge in albergo ma perchè dà il via al ritiro stesso.
Come accaduto altre volte il locale predestinato è quello di Buse: ci arriviamo, dopo le 21, in 5 (Presidente, Roda, Late, Scara e Siracide), affamatissimi.
All'ingresso siamo avvolti da una luce che ci guida diretti al bancone con tutte le mani protese verso la ciotola con le patatine, nessuno arriva primo, non è una gara e nessuno fa quindi in tempo ad avvisare gli altri che... le patatine "dinamiche" erano lì dagli anni '30.
Con la lingua incrostata passiamo nella sala da pranzo vuotissima e in parte a luci spente, dove ci accoglia una cameriera, mentre paron e parona sono intenti a mangiare e continuano a farlo senza scomporsi... anzi un piccolo moto ce l'hanno: assieme al cuoco pensano "cacchio, stasera me toca anca lavorare".
Ordiniamo: pizze (decisamente buone anche se non molto grandi) + birre, radler e coche medie.
Poi la cameriera torna e chiede: "Desiderate qualcos'altro?"
Scara: "di dessert cosa c'è?"
camer. "no, mi spiace non abbiamo dessert"
un po' spaesato Daniele per il momento cede la parola a Roda: "Un caffè con una grappa a parte... che grappe avete?"
camer. "Vado a vedere"
Al ritorno il Presidente si aggiunge: "anche per me un caffè e a parte un Montenegro"
Scara: "avete gelati?"
camer. "Si", e indica il frigo verticale col poster dei gelati Algida
Scara: "Questi li avete tutti?"
camer. "Eh, sì... magari!" e tira fuori un paio di mini-magnum di quelli da confezione da supermercato da non vendersi singolarmente.
Arriva poi con i caffè dicendo: "Mi spiace ma il Montenegro l'abbiamo finito"

Si prosegue con le chiaccherate e la cameriera torna più volte a domandare "Desiderate qualcos'altro?".
A parte il fatto che tutti ci chiedavamo cos'altro si potesse prendere visto che quel poco che c'era l'avevamo già ordinato, alla fine abbiamo colto tra le righe una forma d'invito a toglierci dalle palle...

Alla cassa il paròn ordina alla cameriera: "offri un po' di limonceno a sti signori" e si piega in due sul banco a fare di conto con carta e penna (per quel che la trippa gli consente di piegarsi in due)
Basta, son 9 euro a testa... e mentre usciamo il discepolo Roda scorre il conto per cercare tutte le voci... "sì c'è tutto, però ghémo speso tanto poco... anzi no, non ghe xè el bevare"... siamo ormai a metà dei 250 metri che separano locale e posteggio: ci guardiamo indietro, un rapido pensiero di onestà, ma la strada è ormai lunga, Roda strappa e inghiotte il conto, poi, zoppicando per il tendine distrutto al torneo dei calcetto, ci invita ad allungare il passo "E ti Presidente con la bat-mobile smorsa i fari e oscura la targa co te passi davanti al ristorante".
E per colpa di quel limoncello al Presidente è girata la testa come una centrifuga per gran parte della sera.
 
 

3^ STAZIONE: IL PRESIDENTE CADE PER LA SECONDA VOLTA "ACCOMPAGNATO" DAL DISCEPOLO CHE PIU' AMA

Come consuetudine il Presidente si sistema in cameretta con Roda.
E mentre Roda è chiuso in bagno il Presidente ascolta e riferisce:
"Roda prima della gettata, dà dei sonori "botti" di avvertimento... beh voglio dire che usa la tazza del cesso come cassa di risonanza....ed è bravo cazzo!"
Nel frattempo si concentra sul telecomando per accendere la tv... dopo molti tentativi a vuoto comincia a borbottare;
Roda, mosso da pietà, risponde da dove si trova: "Presidente, si accende col tasto per spegnere"
Attimi di silenzio... ancora silenzio...
poi si sente il Presidente pensare ad alta voce: "si accende.. col tasto.. per spegnere.."
... ancora silenzio... poi, finalmente il rumore della tv accesa.
Nel frattempo in tarda serata arriva Polo che si accomoda su letto matrimoniale con Siracide, mentre, a fianco, Late e Scara si arrampicano su un letto a castello.

scara-letto

 

 

4^ STAZIONE: IL PRESIDENTE INCONTRA ED OSSERVA I SUOI

Migliaia le foto scattateci dal Presidente.
uno di noi: "Presidente da quanto xè che te ghè quea machineta?"
Pres. "Mah, sarà gnanca dò mesi!"
uno di noi: "Eco! Vuto che ghe riva ai do mesi???"
E comunque, osserva il Presidente,Daniele usa un tipo di gel diverso per ogni ciuffo della sua testa.

scara-capelli

 

 

5^ STAZIONE: IL PRESIDENTE CADE PER LA TERZA VOLTA

Il mattino del sabato si apre all'insegna della voracità... colazione spazzolata per benino e poi giretto a Folgaria alla ricerca di un beduino che cambi il raggio rotto di Siracide. Mentre Siracide e Roda sono con la ruota all'interno del negozio sportivo (che non era sufficientemente attrezzato per risolvere il problema), il Presidente punta una possibile preda:
bella gnocca, lì, sola, probabilmente in attesa del principe azzurro.
Il Presidente ha un lampo di genio che lo guida all'arrembaggio e si rivolge a lei con una banale richiesta: "Scusa sapresti drimi dove posso fare rifornimento?"
E lei ... "Sorry, I don't speak italian..."
Preso alla sprovvista, al Presidente gli si impantana la lingua e sputacchia qualche bruttura in lingua straniera (non propriamente inglese e nemmeno esperanto).
 
 

6^ STAZIONE: I BUFERIANI SI AUTO-BATTEZZANO PER IMMERSIONE

Al ritorno si uniscono al gruppo Dalle e G.Luca (ospite buferiano reduce dal torneo di calcetto). Prima del pranzo ci tocca una estenuante rassegna stampa, con l'acquisto in edicola di un giornale diverso per ciascuno. La lettura si svolge al Bellaria all'ombra degli ombrelloni aperti con cura dai tecnici della nasa. in quest'alberghetto si trovano solitamente personaggi insoliti, Ministro della Guerra n°.1, Ministro della Gureaa n°.2, Tutankamon... quest'anno c'era Teocoli.

ombrellone teocoli

Ed eccoci al pomeriggio d'intense attività. In programma: bagno al lago, gara di pedalò e osservazione della fauna.

scara-sole chiappe bella (chi è al centro?)

Viene invocata la benedizione di Zanna, l'addetto ai rapporti con la Santa Sede, il quale risponde:

Zanna: "Auguro battesimo x immersione con possibile resurrezione. Sennò amen"

Dopo la gara in pedalò vinta dal timoniere Dalle-Di capua e i pedalatori Siracide e G.Luca, le baggianate si sprecano: giochi d'acqua, scherzetti vari, foto a non finire, ma soprattutto in 7 sopra un solo pedalò, trattenendo l'altro affiancato completamente vuoto... e proprio di fronte ai gestori delle imbarcazioni... che idiozia... perchè poi?

 

7^ STAZIONE: IL PRESIDENTE VIENE INCHIODATO AL BOWLING

Al lago ci raggiunge Scalchi per completare le presenze di questo ruttiro.
La serata prevede mega sfida sulle piste da Bowling. Il Presidente sfodera le sue doti immense, mentre Late fa dei mitici tiri ad effetto, alcuni scadenti di preparazione, altri clamorosamente intuitivi. Al Presidente viene però tolta la soddisfazione della vittoria ad opera di Luchetta; un grave affronto. Buon per lui che non è buferiano (almeno per ora!?) ...avrebbe rischiato, un "quattroeventisei" con esecuzione immediata!
 
 

8 ^ STAZIONE: IL CIELO SI OSCURA E LA NATURA SI RIBELLA

Sarà il cibo, sarà l'aria, sarà l'acqua, sarà il caffè o gli inegratori... Siracide ha illustrato con brevi conferenze le potenzialità delle armi batteriologiche presso la spiaggetta del lago e scatenando al bowling il panico generale e l'intervento della protezione civile con bertolaso in testa
 
 

9^ STAZIONE: UN DISCEPOLO ATTENDE L'APERTURA DEL SEPOLCRO

Sabato sera, al rientro dal bowling, ci si piazza davanti alla tv.
Scalchi crolla come un bambino appena si siede sul divano per poi dire al Presidente mentre si sale alle camere: "ma come, niente risiko?"

scalchi-dorme

 

 

10^ STAZIONE: E' NOTTE FONDA E IL MONDO SI FERMA PER UN'ISTANTE

Non viene rispettata la tradizionale usanza: niente sfilata di intimo gattinoni. E sarebbe stata gara apertissima tra i boxer di Polo con faccia di mascio davanti e coda di mascio dietro, quelli di Scara con brillanti veri ovunque e quelli di Roda ultra-firmati... in compenso Siracide vince il premio sportivo trendy per canotta, cappellino egiziano e costumino arancio-buferiano con motivo floreale bianco.

scara-boxer siro-moda

 

 

11^ STAZIONE: IL PRESIDENTE ANNUNCIA LA BUONA NOVELLA

Il Presidente supervisiona la mattinata domenicale annunciando con sommo gaudio:
"Dalle ha perso ha perso a Risiko... ih ih ih"
... per la cronaca ha vinto Scalchi, mentre Roda è stato eliminato prestissimo dall'incompetente Siracide.
 
 

12^ STAZIONE: ALCUNI DISCEPOLI TANTANO INVANO UNA RESURREZIONE TOTALE GLOBALE

Abbiamo buttato via 15 euro per il gratta e vinci !!!

2 commenti
Per commentare devi registrarti e connetterti

Nota: i commenti sono di proprieta' degli autori, che ne sono responsabili.

  di D@niele, 13 Luglio 2007, 17:15 permalink
Erano 12 euro non 15!
|  
  di siracide, 26 Luglio 2007, 10:11 permalink
Mi viene in mente un fantastico momento: la foto di gruppo in riva al lago.
 
Il Presidente orgoglioso sistema la sua iper-favolosa-macchinetta fotografica bionica e la predispone per l'autoscatto.
Gli altri nel frattempo si accordano per uno scherzo irriverente:
la fuga istantanea a 2000 km./ora per lasciare il Presidente da solo davanti all'obiettivo.
 
L'emozione era tanta. L'adrenalina saliva a mille. Nella smania, ridendo, tutti siam scappati con troppo anticipo dalla scena, tanto che pure il Presidente, preso da panico e stupore, ha fatto a tempo a dileguarsi prima dello scatto.
 
Il secondo tentativo di autoscatto, con sospetto e possibilità di replica dello scherzo, si è svolto con molta tensione, con trattenute del Presidente nei confronti di alcuni... in attesa dello scatto... ...
... ... ma...
... non scatta? ...
... stavolta scoppia a ridere proprio il Presidente, soddisfatto di averci fregato impostando la modalità videoripresa!
|