Natural Weight Loss Guide should become your way. Most Healthy Food can help you make positive food and nutrition choices. Anti-aging diet based on recommendations from leading health experts. Canon Digital Photo Professional Professional Photography Tips women's health encyclopedia Canon Hacker's Development Kit Photographer's Guide Canon DSLR
Benvenuto!
Connessione Salva password

Nuova registrazione Password dimenticata?

FANTACALCIO 2014/2015: i giudizi del Roda sulle Rose Fantacalcio
di Roda, 12 Settembre 2014 stampa

 

Si è svolta venerdì 5/9, nell'inedita sede del Leodari calcio (grazie Tiziano), l'asta per il fantacalcio buferiano (sempre meno buferiano) 2014/2015. Partecipanti: Giuseppe, Dino, Tiz, Luca M, Luca R, Luca B, Roda, Late, Juri, Scara, Daniel e un cartonato del Gabbe. L'inizio, posticipato dalle 21,30 alle 22 e rotte in quanto Luca B (Bregio) doveva completare un attentato all'aeroporto di Venezia, è trascorso tra pietosi tentativi di connessioni tra megaschermi e PC e clamorose abbuffate di patatine, birre e pizze fatte da Elisa. Gabbe ha inizialmente finto di trattenersi, per poi iniziare una clamorosa scofanata terminata soltanto quando gli altri erano già giunti a ¾ dell'asta. Alla fine, comunque, l'asta è iniziata per concludersi, tra black-out elettrici, pause-dolce, pause-cicca, pause-pisciata, pause-aggiornamento software, pause-aggiornamento rose, pause-aggiornamento Gabbe, ben oltre le 2 di notte, come nei cari, vecchi tempi. Vado ora a giudicare le rose, partendo, noblesse oblige, dal defending champion.

 

 

CIU (REALBETTA): vuole fare il fenomeno e, contrariamente al pensiero di tutti, come giocatore iniziale dell'asta lancia tale Munoz, difensore del Palermo. La sua formazione finale è un misto di campioni e codici fiscali: gli consigliamo di disattivare il correttore automatico in fase di compilazione. Punta molto su Palacio e Pogba; Joao Pedro è una chicca non compresa da tutti, Pereirinha è una chicca non compresa nemmeno dallo stesso Pereirinha. Giudizio finale: uh uh uh uh . Voto: 6,5

DINO (LUPI UNITED): porta immediatamente a casa l'idolo Zappacosta, nonostante le azioni di disturbo dei suoi "amici" Roda & C. Punta molto sulla scommessa Cassano e, misteriosamente, rilancia su Ljajc. Centrocampo di qualità, a maggior ragione se il lungodegente Strootman rientrerà in tempi brevi (per poi andarsene al Manchester United). Giudizio finale: Loris Batacchi. Voto: 6

TIZ (ATHLETIC MICATANTO): come sempre, in estate vèntila propositi di ritiro, prontamente smentiti quando sente i suoi amici accendere i motori in vista dell'asta. Addirittura, mette a disposizione la stanza, e questo gli vale un voto un più. Salta la corrente, e via mezzo punto. In più, il bar è chiuso, e via un altro mezzo. La squadra è un misto di geriatria e "scommesse" (Fernandes, Guilherme, i 3 attaccanti di riserva, Lestienne). Formazione misteriosa, capace di tutto. Giudizio finale: ironman. Voto: 6,5

GABBE (DINAMO GABBE): idolo assoluto. Per un paio d'ore, assiste serafico allo svolgersi degli eventi, spazzolando tutti i beni vagamente commestibili. Mentre i colleghi costruiscono le squadre, lui si limita a commentare "forte questo", "bell'acquisto", "questo è buono", e così via. Richiamato all'ordine, ogni tanto rilancia "ad minchiam", tornando poi a divorare le pietanze. Poi, quando oramai si erano perse le speranze, inizia ad acquistare giocatori, chiedendo ogni volta "ma Totti è ancora libero ?" "NO", "Vidal è ancora libero ?" "NO", ecc. Ad ogni modo, riesce ad allestire una squadra non proprio di sprovveduti. Finisce addirittura tra i primi, avanzando 29 crediti prontamente utilizzati dal paninaro all'incrocio di via Quadri. Giudizio finale: Poldo Sbaffini. Voto: 5,5 (per la squadra) 10 (per il resto)

RAVRI (REAL PATUZ): dopo l'esordio dello scorso anno, si presenta molto più agguerrito e con le idee molto chiare. Intanto, mette in cascina l'attacco titolare della Juve, ed è già un bel colpo. Piazza poi qualche altro buon colpo, anche se i 70 spesi per Tevez non consentono larghi margini di manovra. Rischia più volte di decapitare l'amico Malesani, il cui scopo principale era quello di mandarlo fuori dai gangheri. Giudizio finale: Marotta. Voto: 7

SCARA (SPORTING LELAO): nonostante la lunga militanza fantacalcistica, fatica ancora ad adeguarsi al sistema di asta "random". In pratica, la sua asta da anni segue questo clichè: in 10 minuti acquisto 4/5 giocatori con 250 crediti, e poi rimane zitto per 3 ore, riemergendo alla fine per acquistare i rimasugli ad 1 credito. Per soprannumero, se la prende col povero Roda colpevole di avergli ricordato il suo massimo spendibile (6). Alla fine, riesce misteriosamente ad avanzare 1 euro. Se il Fantacalcio fosse solo far giocare 4 centrocampisti, l'avrebbe già come vincitore; purtroppo, ci vogliono anche altri 7 giocatori, e lì dipenderà molto da Torres e Paloschi. Giudizio finale: 6 politico. Voto: 6

LUCA M. (FUNES): altro idolo della serata. Rilancia praticamente su ogni giocatore, con importi abbastanza casuali, e poi si guarda intorno con aria interrogativa, come dire "ed ora, che cazzo ho combinato ?". Manda più volte fuori giri Ravri, e non solo, ma allestisce una squadra assolutamente di buon livello, anche se crediamo che non sappia ancora i giocatori che ha preso. Giudizio finale: Fassina chi ? Voto: 7

DANIEL (ATLETICO MORETTO): si presenta con un rivoluzionario software al plutonio in grado di gestire l'asta in automatico, che però comincia ben presto a dare segnali di inaffidabilità. Quando poi al CIU viene assegnato Pereyra al posto del ben più forte Pereirinha, si torna a consultare il caro, vecchio foglio excel del Roda. Punta molto su giocatori di squadre di medio/basso livello (Sassuolo, Palermo, Empoli, Genoa, Inter), ma tutto sommato la rosa sembra equilibrata. Giudizio finale: Millennium Bug. Voto: 7

BREGIO (BOCIA JUNIOR): all'esordio, paga un po' di inesperienza, andandoci piano con i rilanci. Punta molto sul Milan, e su Pepito Rossi, sperando di averlo per l'ultima di campionato. Pieno di soldi come un uovo, viene più volte fatto oggetto di tentativi di rilancio "bluff", ma lui non si scompone e finisce con 56 crediti in saccoccia. Solo alla fine Dino lo avvisa che i residui non sono convertibili in azioni Apple. Giudizio finale: Zio Paperone. Voto: 6,5

LATE (GALATINICOS): quando Robi decide di acquistare un giocatore, lo fa, punto. Zemaniano a 4 ruote motrici, prende tutti gli attaccanti possibili del Cagliari, cercando di spendere cifre tonde "così vado meglio a fare i conti". Questo lo porta a spendere 40 o 60 anche quando il giocatore si potrebbe portar via a cifre inferiori. Attualmente ha 3 portieri titolari che potrebbero trasformarsi in 3 riserve, con esiti disastrosi. Udinese, Samp, Cagliari e Genoa sono le sue squadre di riferimento, non esattamente delle corazzate, ma negli ultimi anni i risultati gli hanno dato ragione. Giudizio finale: calcolatore. Voto: 6

JURI (ROCCO E I SUOI SIFFREDI): arriva all'asta con un unico, evidente, scopo: spaccare la minchia al collega che si siederà alla sua destra. Purtroppo, lo sventurato è lo scrivente, del quale pazienza e tolleranza non sono notoriamente le virtù principali. Nonostante i ripetuti vaffanculeggiamenti presi e (parole sue) l'impreparazione sulle rose, mette in piedi una squadra di livello, soprattutto in attacco; ma anche il centrocampo potrebbe dare ottime soddisfazioni, soprattutto se Ilicic, Jankovic e Parolo giocheranno con continuità. Giudizio finale: riccio nel culo. Voto: 7,5

RODA (GUFI E ROSICONI): anche le aste del Roda seguono da anni la stessa trama: preparazione scrupolosa degli obiettivi, mandati a puttane già dopo il primo giro di chiamate. Acquisti di portieri e difensori a parametro sottozero, cosa che neanche il peggior Galliani. Incazzature varie per rilanci del menga. Acquisto di centrocampisti/attaccanti che poi finiscono miseramente in panca. Rimpianti assortiti per acquisti del tubo. Parte convinto di essere nel 1980 ed acquista i giovani (di allora) Di Natale, Totti e Conti. Torna poi nel mondo reale e pareggia le cose con i vari Keita, Verdi, Sansone. Mah, tutto sommato non è neanche una pessima squadra, anche se il fatto di non avere i sostituti dei presunti titolari potrebbe essere un grave handicap. Giudizio finale: Ritorno al futuro. Voto: 6,5

Ecco qua: come sempre, è ovvio che si scherza per cui nessuno deve sentirsi offeso. Rispetto agli anni scorso, mi rendo conto di aver dato voti molto "democristiani", ma obiettivamente le rose mi sembrano molto equilibrate. Poi i risultati andranno a smentirmi.

Anche quest'anno sono rimasti fuori potenziali fenomeni: l'anno scorso pronosticai Plasil (che infatti non ha lasciato traccia), questa stagione prevedo Obbadi, Lazaros, Carbonhero e Ceppitelli.

Buona stagione a tutti.

 

2 commenti
Per commentare devi registrarti e connetterti

Nota: i commenti sono di proprieta' degli autori, che ne sono responsabili.

  di Ziotissi, 12 Settembre 2014, 14:02 permalink

concordo a metà con il buon roda...

io Vedo sul podio DINO, MALESANI e DANIEL

Ciù con Joao Pedro in rampa di lancio non lo sottovaluterei...

|  
  di gabbe, 16 Settembre 2014, 21:50 permalink

Roda numero 1! che ridere!!! giudizio perfetto sulla prestazione di cartonato Gabbe :)

 

|