Natural Weight Loss Guide should become your way. Most Healthy Food can help you make positive food and nutrition choices. Anti-aging diet based on recommendations from leading health experts. Canon Digital Photo Professional Professional Photography Tips women's health encyclopedia Canon Hacker's Development Kit Photographer's Guide Canon DSLR
Benvenuto!
Connessione Salva password

Nuova registrazione Password dimenticata?

Ritirquad Bufera e Buferiani
di siracide, 19 Luglio 2011 stampa

Il buf-ritiro 2011 inizia alle 14.30 di venerdì 15 luglio, con due solitari ciclisti ad aprire le danze...

Roda e il sottoscritto, lasciata l'auto incustodita con disco orario in scadenza a Piovene, procedono verso i monti circondati da nubi minacciose che a tratti lasciano spazio al sole infuocato di questo periodo.
Quest'anno si sale a Lavarone, passando da Tonezza e percorrendo due bei tratti di strada stretti e chiusi al traffico: la Barcarola prima e il Passo della Vena poi. In mezzo Tonezza dove, alla fontana, ci si bagna la nuca sotto lo sguardo e i commenti di un diversamente giovane: "Eh, anca mi fasévo così, ma 'desso gò i cervicali... ste tenti che dopo la pagarè..." A denti stretti rispondiamo con simpatica ironia evitando offese e maledizioni.
Prima di uscira da Tonezza, si scorge un capriolo al pascolo tra le contrade, poi, verso il Passo della Vena, un camoscio, sceso in strada, ci sente arrivare e si piazza un balzo sopra la strada... così a 3 metri da noi ciclisti, rimane fermo ad osservare (con compassione) il nostro passaggio.
Il resto del viaggio è piacevole e dai Fiorentini si scende verso Carbonare (una discesa in salita da quanto si doveva pedalare). Sulle ultime rampe prima di Lavarone io ricevo due telefonate: una è di Polo che chiede se devono soccorrerci visto che ad Arsiero sta piovendo alla grande. Polo e Late, infatti, arrivati a Piovene, avevano recuperato l'auto abbandonata, guardandosi attorno per non sembrare dei ladri.
Grazie a quelle telefonate Roda va in fuga ma viene da me ripreso ed arriviamo in coppia al solito Bellaria... strudel, radler e brioche!

Ecco poi gli altri: Polo, Late, Scara e il caro Presidente. Tutti pronti per l'aperitivo a Bertoldi e poi la cena alla Tana Incantata. Veniamo prelevati a Slaghenaufi con un quad con carrellino a traino: totale 4 posti sul carrellino + 3 pigiati in fila sul quad (conducente compreso)... il viaggio è tremolante a dir poco... ma noi, come bambini, pensiamo di essere in giostra... quindi... SU LE MANIIIII !!!

 

Il nostro menu ce l'ho qui, deducendolo dal conto: 6 coperti, 6 trasporti, 3 taglieri di affettati misti, 3 taglieri di formaggi misti, 6 piatti del Ghiotto (ad memoriam) versione con Tonco, 4 birre medie, 1 litro di acqua gasata, 5 mirtilli con gelato, 1 sacher, 5 caffè, 1 grappa trentina, 1 grappa teroldego, 1 grappa ginepro, 1 grappa di ruta + 5 liquori al miele della casa offerti alla fine.

Rientro in discesa con lo stesso mezzo sotto lampi, tuoni e qualche piccola gocciolina... schivato di brutto il peggio.

Ora tocca ad un po' di tivù... un po', cioè fino a che non si decide di giocare con la mitica PlayStation3 portata da Scara con un gioco interattivo stile Trivial... gran bel gioco: dopo un'ora di tentativi di collegare PlayStation a tivù eravamo già appagati (qualcosa di simile capitò con Moro per visionare delle foto dalla fotocamera digitale).

Appagati... non del tutto, però: saliti in camera abbiamo speso un'altra mezz'ora per tentare il collegamento con la mini tivù della camera... fallito anche questo, ecco il meritato riposo buferiano.

 


La mattina del sabato, contravvenendo alle regole ferree del Ritiro Buferiano (mangiare, bere, giocare e dormire senza alcuna attività dispendiosa), 4 uomini di buona volontà, sotto l'idea e la spinta del saggio Polo affrontano il Becco di buf-Filadonna, salendo per i sentieri 439-425 e scendendo per il 442 (con partenza e arrivo nei pressi del Passo della Fricca).

Si parte: 

Scara in testa cammina di gran lena, dietro Roda tiene il passo,  

poi Siracide da bravo sportivo segue... fatti 60 metri, ci si volta: Polo è indietro di 100 metri e arranca (ma non era sua l'idea dell'escursione)...

"No stè preoccuparve, vè pure 'vanti  che rivo" 
Dopo un po' ci si volta nuovamente: Polo è indietro di 200 metri...
" 'ndè pure, desso rivo... gò solo da rompare el fià" 
...Qualche altro passo e ci si volta ancora: Polo è scomparso! 

Insomma, non era la sua giornata, ma non si rinuncia e si prosegue quindi dolcemente e con frequenti brevi soste

 

In ogni caso in 2 orette e mezza siamo in cima, o meglio sull'anticima, dove c'è la croce

   

   

una foto, un succo, un cappello dimenticato là da me e si procede verso la vera cima: sul registro rimarrà scritto:

"Buferiani presenti! Roda, Scara, Jazzo, Siracide"


Poi via per il ritorno; velocemente, perchè in albergo c'è Late, e con Lerin sta arrivando Dalle. Il rischio è che le due gorne non lascino nulla da mangiare ai poveri escursionisti.

 

Si procede quindi in un paesaggio lunare con alberi spogli a causa di un vecchio incendio, osservati e osservanti un paio di camosci, padroni di casa.

     


In albergo ci arriviamo alle 13.30 circa e, grazie al cielo, troviamo ancora del cibo.

Nel pomeriggio io dovevo rientrare a casa e lascio quindi spazio ad altri per continuare la cronaca (appena possibile aggiungerò delle foto).
...

Aggiunte Foto

3 commenti
Per commentare devi registrarti e connetterti

Nota: i commenti sono di proprieta' degli autori, che ne sono responsabili.

  di siracide, 16 Settembre 2011, 11:35 permalink

AGGIUNTE FOTO ALL'ARTICOLO

manca ancora un mini-video

|  
  di siracide, 16 Settembre 2011, 11:55 permalink

Inserito anche il video

|  
  di nena, 05 Novembre 2011, 12:30 permalink

Siracide, sei ridicolissimissimissimoSurprised!

|