Natural Weight Loss Guide should become your way. Most Healthy Food can help you make positive food and nutrition choices. Anti-aging diet based on recommendations from leading health experts. Canon Digital Photo Professional Professional Photography Tips women's health encyclopedia Canon Hacker's Development Kit Photographer's Guide Canon DSLR
Benvenuto!
Connessione Salva password

Nuova registrazione Password dimenticata?

Il Giro della Rua Attivita' Ludico-Sportive
di siracide,  3 Settembre 2010 stampa
Ricordiamo per domani sera l'appuntamento con la RUA

rua

ore 21.00 Giro della Rua da Piazza Duomo, Piazza Castello, Corso Palladio, Contrà Santa Barbara, Piazza Biade a Piazza dei Signori

ore 22.00 spettacolare cerimonia di accensione della Rua in Piazza dei Signori

22 commenti
Per commentare devi registrarti e connetterti

Nota: i commenti sono di proprieta' degli autori, che ne sono responsabili.

  di jazzo, 03 Settembre 2010, 17:11 permalink

Polo presente, con tanto di rapprentanza sarda, arrivano miei nipoti, i "nani", direttamente da cagliari.

|  
  di ziolate, 03 Settembre 2010, 19:05 permalink

accensione della rua? ma ghe dai fogo?

|  
  di dalle, 03 Settembre 2010, 19:57 permalink

mi dispiacerebbe un po' ...

|  
  di siracide, 04 Settembre 2010, 20:17 permalink

In realtà credo che vogliano lasciarla accesa fino a Natale addobbandola da albero.

|  
  di Llerin, 04 Settembre 2010, 16:28 permalink

Farla in un altro giorno, no! Assente per altri impegni.

|  
  di siracide, 04 Settembre 2010, 20:15 permalink

Hai ragione Lerin, vedrai che il prossimo anno l'amministrazione comunale terrà in debito conto questa tua segnalazione prima di programmare a caso certi eventi.

|  
  di sgorbio, 05 Settembre 2010, 10:46 permalink

era proprio bella!!!!

peggio per voi se non l'avete vista

|  
  di principessa, 06 Settembre 2010, 07:11 permalink
era proprio bella!!!!

       Concordo ...

       " Viva la Rua di casa Bissara, mezi la tira e mezi la para "

|  
  di berna, 06 Settembre 2010, 08:47 permalink

nessun dubbio sul fatto che era bella....

ma x il resto mi sembra un'autentica bufala... stanno facendo un avvenimento dal niente... e cmq senza ritmo, senza enfasi , senza alcun trasporto al pubblico.. giochi di luce?? si 4 lampioni sulla piazza; il dialogo? una noia mortale; l'accensione? lasciamo perdere

|  
  di principessa, 06 Settembre 2010, 17:12 permalink
 stanno facendo un avvenimento dal niente...

       Forse si, in effetti è molto più, credo comunque sia senza alcun dubbio meglio del niente...

il dialogo? una noia mortale

       Un po' difficile da seguire, forse un tantino troppo lungo....Sono riuscita a recuperarlo, perchè a me personalmente era piaciuto molto, posso assicurarti è una bellissima leggenda dialettale :

 

       " Ve vòi contar la divertente storia

         de quela cosa che i strassina in giro

         con gran bacan par la zità: "na gloria,

         un vanto secolare, un zerto sbiro

         de campanile che va in volta a spasso,

         portando zirca venti tosi in brasso.

         Se la ve piase, baterì le man 

         e se no, perdonème, poro can !

 

         Tutti i paesi de la Visentina,

         tutti i paesi de la Padovana,

        ........................................

        .......................................

 

         Vuol essere uno scambio di idee, credo che di tutto si debba prendere il meglio....

         Un saluto 

 

 

 

 

 

|  
  di sgorbio, 06 Settembre 2010, 17:26 permalink

ma ce l'hai tutto?

 

|  
  di principessa, 07 Settembre 2010, 10:32 permalink

Sì, ce l'ho tutto. Se ti fa piacere, appena mi è possibile te lo passo....

Buona giornata

|  
  di principessa, 07 Settembre 2010, 19:25 permalink

CANTO I

 

Ve vòi contar la divertente storia

de quela cosa che i strassìna in giro

con gran bacan par la zità: ‘na gloria,

un vanto secolare, un zerto sbiro

de campanile che va in volta a spasso,

portando zirca venti tosi in brasso.

Se la ve piase, batarì le man

e se no, perdonème, poro can!

 

Tuti i paesi de la Visentina,

tutti i paesi de la Padovana,

verso Vicenza a l’alba se incamina

e par strade e par campi se sparpàna:

resta i malà, le vache, el can, el gato,

e, a dir la messa ai banchi, el bon curato.

 

Gh’è par le strade una tal confusion

de carozze, carète e biciclete,

che guai ai cali del poro marsòn

che a tignèr verti i oci no se mete:

no se sente che Oe! Op! Ari! Ii!

Drin, drin, drin! Tef, tef, tef! Tirititì!

 

E la riva in zità coi primi treni,

che gòmita foresti a gran vapor:

Veneziani e Padovani, pieni

de ciacole, de bezzi e bon umor,

se smìssia a Trevisani, a Bassanesi,

a Schiòti, a Thienesi, a Veronesi.

 

Come ca devo tàsare de tuto

quel che se vede dentro in Campo Marzo:

un missiòto, un afàr de belo e bruto;

un vèndare, un comprar de bon, de marzo:

casoti, giostre, done bele e furie

che dixe l’avenir o vende angurie.

 

Armoniche, grafofoni, subiòti,

trombe, tamburi, cani, cantarine,

declamatori, gobi, storpi, zoti,

bandierete de carta, rue, pastine

da cali, cortelìni, medajète,

storie de Musolin, stampe e stampète.

 

Fazzoleti scarlàti o co la Rua,

delizia eterna de Bighi e de Andole;

acqua fresca, sorbeti, peri, ua,

e pèrseghi, e crocanti, e forti e mandole:

come vedì, un marcà che fa un bordelo,

da sbregàrghe le recie infina al zielo.

 

Intanto se roversa la marmaja

in zità par le betole e le case:

se incontra e spenze e urta fraja a fraja

per le strade e le piazze: vien invase

le locande, le ciese, le ostarie,

le ritirate, le cafetarie.

 

E vualtri lassè che quei se struca,

mi, fina che vien l’ora de la Rua,

ve conto la so storia nuda e crua.

 

CANTO II

 

Nel mile, mile e zento e ‘na velada,

quando ogni formigaro gera un stato

e gera gusto sgualivar la spada

su la zuca de un poro zelegato

nato soto de un altro cornison,

anca Vicenza gera una nazion.

 

Un giorno dei tosati visentini,

par mòvare un pocheto el proprio broco

e far del moto, i va sina ai confini

a trar de scherma coi Padovani un toco:

i ga corazza, scudo, elmo, visiera,

la spada e un Musso su la so bandiera.

 

Par strada i svoda un paro de ostarie,

i ghe dà ‘na magnada buzaròna,

po’ sul confin de Padoa i mete i pìe,

dove i trova una squadra bordelona

de Padovani, pronti par la giostra

da far con queli de la squadra nostra.

 

Tanta, par altro, xe la nostra zente

col medico de campo, oto avocati:

uno scudier, in cana e bastonzel,

Spuastromenti, nodar, sara el drapel.

 

Par el torneo, gera za belo e fato

cussì a la bona, con sìe, sete tole -

e fornìo de bandiere, un gran stecato

dove i pol pitufàrse quanto i vole;

e difati i scominzia, in zento giusti,

bote da orbi (ma guardé che gusti!).

 

Come fa i gati quando i va in gatàro,

che soto i oci de la dolze dama

sui copi i se ramèna o sul solàro

e i se sgrafa e i se mòrsega e i se infiama

fina che i resta guerci, tuti a piaghe,

la coa scavezzà e spenotà le braghe,

 

No ve descrivo la bataglia: mi

go tanto delicato el sentimento,

che quando vedo sangue (no credì?)

a casco, pero marzo, in svenimento:

ve digo solo: i xe tanti becàri,

che no ga el mondo chi ghe staga a pari.

 

Squartava ancora zente ogni spadon,

co xe vignù la note a metar chiete:

e la note un coragio da leon

in core al Spuastromenti la ghe mete:

fin che i se bastonava, el bon nodaro

gera sconto restà soto un pajaro.

 

Xe la fame, la sera, la paura

che ghe dà forza de tornare al campo:

«Morir de fero, la xe cosa dura

ma se digiuno - el pensa - forse scampo?».

E, poro fiolo, cossa mai ghe toca?

Del lovo el casca, come i dixe, in boca.

 

El se trova, cioè, tacà 'l carocio

dei Padovani, che forte ronchesava:

elo, guardando qua e colà co’ l'ocio,

el se acòrze che a quelo ghe mancava

una rua, che po’ el vede, a culo in su,

t’un fosso, a cinque o sìe passi da lu.

 

Ghe vien ‘na ispirazion: considerà

che zerto se i dormìa no i lo vedea

el pensa de portarla al Podestà,

e dirghe che lu vinta el la gavea

par la so patria da prode pugnando,

fasendo rosso d’ostil sangue el brando.

 

El giorno dopo vien portà la roda

par Vicenza de soto a un baldachin;

no ve digo el nodaro come el goda

de sentirse imortale, un paladin:

sora una rozza, tacà al so trofeo,

che gusto, oh ben: tuti lo segna a dèo!

 

Xe par memoria de sto fato egregio

de un nodar, che, otenudone el permesso,

i Nodari par stema del Colegio

in t’el cirio la roda i se ga messo,

e ne le feste i la portava in giro,

come ve contarò dopo un respiro.

 

CANTO III

 

Vualtri, credìme fina ca podì

e prima de vignère a fare el giro

che fa la Rua par la zità, vegnì

dove, co’ in man la storia, mi ve tiro:

ve fasso passegiar traverso i secoli,

e anca questo xe un gusto: atenti, ècoli.

 

Primo, par cominziar, che disegnasse

la Rua nel mille quatrozento e tanti

xe mastro Giorgio, e i vol che 'l piturasse

la Madona, San Luca, anzoli, santi;

questo parché la Rua, seben pissòta,

più d’una vecia gera alor bigota.

 

L’andava in procession del Corpus Domini

co le fraje, col Vescovo, coi preti;

no l'andava a passegio che con omini

che fusse dei catolizi perfeti;

 

Quando un Vescovo capita a Vicenza,

la va fin San Zulian par farghe festa

e darghe el benrivato a So Ecelenza;

e in te la storia ancor memoria resta

del Cardinale Barbo, al qual la ga

piasso tanto, che 'l se ga fin malà!

 

Malà, ciò, de zervèlo - e digo questo

parché 'l fasea butar napoleoni

(se no ne tol la storia par el zesto)

par strada, a le marmaje dei strazzoni.

 

I ghe la mostra pure, quando i passa,

ai foresti: a una mora de Morea,

che un re sposava d’una porca Rassa,

no ve so dir quanto la ghe piasèa:

anzi, in Rua par - ma credarlo non oso -

che la volesse presentarse al sposo.

 

Col crèssare dei ani, cresse pure

- vu, pari, lo savì - griji a le tose;

la giovinota Rua vol doradùre

 

Par fortuna la trova un tal Bissari

che la tòle a protègiare in Comun;

e cussì, sbandonà dai so Nodari,

no la core pericolo nissun

se, soto la Bissara protezion,

ghe decrèta el Consiglio la pension.

Solo la perde un pochetin de fede:

più no la vole andare in procession.

 

Par farghe pèrdar po’ el zervelo in tuto,

eco i Francesi co la Libartà:

al Veneto Leon, ela in un bruto

Galo sul stema el sostituto dà:

La torna a tirar su po’ i Tedesconi,

se ben che tanto no i ghe piaza miga:

 

L'Aquila con do cai, 'na bestia sporca

quanto quel Galo che gavemo dito,

via dal stema la manda su la forca:

la croze de Savoia in te 'l so sito

la mete, l'alza el Tricolor. Scoltè,

ela adesso la ziga: «Viva el Re!».

 

 

CANTO IV

 

Xe ora, andemo in piazza; ma no vale

domandar «con parmesso» co sta fola.

No la creanza, qua ghe vol le spale;

né de sto odor, che 'l naso ve consola,

da sudorin, no me ciapè paura:

chi vol vèdar la Rua, no se ne cura.

 

Guardè che lusso su par i pozòli

e come bele xe le nostre tose;

guardè che bei festoni, che ninzòli:

come ricama ben le nostre spose!

 

Eco la Rua: zo un ocio al pian teren:

i fachini, in zimàra da pajazzi,

i voda forza, co’ la graspa, in sen

o i se misura i muscoli dei brazzi;

par che i diga: « In otanta è ver ca siamo,

ma ciò, la Rua no pesa miga un gramo!».

 

La Rua xe un campanil de quatro canti,

snelo, tuto colone, archi ed archeti;

el fusto xe de legno, e xe i davanti

tuti fregi, bandiere e fronzoleti;

la se smagrisse in zima, par finier,

in t'un penacio da carabinier.

 

Al primo pian, in zima a dei brazzali

d'or, se dondola quattro bei Guerrieri:

coraza, scudo, elmo piumà, cossali,

ghe li ga fati el me bandàro ieri:

e Gofredo e Tancredi, armà del paro,

inforca do destrieri de salgàro.

 

Soto de un portegato incolonà

do Mori move la famosa roda;

dentro, in cunèta, sìe putei la ga

che dir mi no ve so quanto i se goda.

I xe vestii de bianco, a tondo i gira:

quando i li vede, i nostri fioi sospira.

 

Al de sora del portego se vede

la stema de Vicenza e, sora el pian

dove ga la Giustizia la so sede.

Ela la xe al pozòlo e la ga in man

la spada, indosso el manto e la corona

(che, a quel che i conta, no xe miga bona).

 

Do Sbiri ai fianchi, ma de fora via

del pozolèto, ghe xe sta picà:

pare che, pori can, sicuri i sia

d'essar con corda solida ligà:

se no, par aria, in quela posizion

no i podarìa scorlare el bandieron

de Vincenzo protetor

ala Giustizia rendendo onor

 

Ghe xe parsora el stema nazional,

e una guglieta sguelta e tuta intagi

a un toseto la fa da piedestal,

che 'l personagio xe de sti paragi

el più eminente xe par posizion

i lo ciama el penelo

par antica tradizion:

 

Eco, i se move, fioi, demose na mossa,

un sentenaro de fachini

scufia e tuta biancorossa

 

Se po volì còrarghe drio, ciapè

Mus’ciarìa, Piazza Domo e Vescovà:

qua un tochetin con ela ve fermè

fin che la ciapa una s’cianta de fià

e, po’ che benedeta la ga el Vesco,

voltè a Porta Castel par San Francesco.

 

Po’ un' altra sosta in Corso, da Malvezzi,

in memoria de quel conte Bissari

che la ga fata pensionar coi bezzi

del Comun, co se ga stufà i Nodari:

a sentirì, quando che la ghe riva,

quanti «Viva i Bissari, viva, viva!».

 

Fina de Santa Barbara al canton

par el Corso, e po’ in Piazza, el benedeto

campanile ritorna al so casson,

trato trato fermandose un pocheto.

 

Mi fazzo punto, e batìme le man,

ma no su la fazzada, se v' ho passo;

no ve go piasso? e mi ciò, poro can,

scorlo le spale e istesso me la passo:

 

 

BUONA LETTURA, UN SALUTO...

 

 

|  
  di sgorbio, 10 Settembre 2010, 23:24 permalink

GRAZIE

|  
  di principessa, 14 Settembre 2010, 10:13 permalink

Credimi, per me è stato un piacere...

 

|  
  di sgorbio, 06 Settembre 2010, 12:26 permalink

sarà che era un po' che non vedevo così tanta partecipazione, sarà che queste cose mi emozionano, sarà che i racconti dialettali mi dicono qualcosa ma a me è piaciuto il tutto

|  
  di Naty, 06 Settembre 2010, 13:14 permalink

L'iniziativa ha "svegliato" Vicenza, cosa che accade di rado, purtroppo. Come ho detto anche a Dalle, nel complesso è stato bello, ma ci sono, secondo me, diverse cose da migliorare (alcune da cambiare proprio).

|  
  di siracide, 06 Settembre 2010, 15:22 permalink

diverse cose da migliorare (alcune da cambiare proprio)

Dalle ad esempio!

|  
  di elmoro, 07 Settembre 2010, 00:16 permalink

Un'altra cosa da migliorare sono le strade di vicenza, in condizioni da Sarajevo post-bombardamento

|  
  di siracide, 07 Settembre 2010, 09:08 permalink

uuuh, che delicato, ciò! Tongue out

|  
  di Roda, 07 Settembre 2010, 09:43 permalink

Invece arriviamo da ben di peggio : 10 anni di amministrazione Hullweck

|  
  di hejdi, 07 Settembre 2010, 18:40 permalink

Bello il Giro della Rua e la sua accensione, e bello anche lo spettacolo dopoSmile

|