Natural Weight Loss Guide should become your way. Most Healthy Food can help you make positive food and nutrition choices. Anti-aging diet based on recommendations from leading health experts. Canon Digital Photo Professional Professional Photography Tips women's health encyclopedia Canon Hacker's Development Kit Photographer's Guide Canon DSLR
Benvenuto!
Connessione Salva password

Nuova registrazione Password dimenticata?

Prague Marathon Sport
di siracide,  6 Maggio 2010 stampa
Siamo in partenza...

Sabato ore 11.25, decollo da Treviso con la mitica WizzAir... direzione Praga.
Alle 19.00 inizierà il Pasta Party (con birre).
Domenica mattina alle 9.00 da Piazza dell'Orologio partiremo per i nostri 42 km. e 195 m.

Chi ci volesse seguire in diretta ecco il link
  1. Sul primo collegamento della pagina inserendo i dati potete verificare passaggi, posizioni e andamento.
  2. Il secondo molto carino consente di seguire visivamente in diretta sulla mappa (potete anche scegliere se grafica o da satellite). Si può impostare il tempo di refresh, i dati di ciascuno o scegliere un tempo di proiezione finale e vedere l'iconcina che si sposta lungo il percorso.
  3. Il terzo collegamento teoricamente vi rimanda ad una diretta tv.

I nostri pettorali sono questi:

1017 SIRO
3068 LIVIO
4797 AMPELIO
4798 RODA
F787 SONIA

Correremo anche coi nomi sulla maglietta.
Sta infatti divenendo usanza comune, almeno nelle più grandi maratone, lo stile di tifo adottato alla Maratona di New York, dove ogni atleta, dal primo all'ultimo, viene sospinto da un tifo esaltante e specialmente se ha il nome visibile, viene chiamato per nome e incitato in modo particolare. E' quasi impossibile ritirarsi, col tifo che fanno ci manca poco che non ti costringano a concludere a spinte e calci in culo. Tongue out

Roda ha invece un'altra usanza, quella di gridare almeno 1 volta (spesso 2-3) nei primi 200 metri "QUANTO MANCA???" provocando un ilarità irresistibile tra atleti e pubblico.
Per questo voleva aggiungere sulla maglietta anche la scritta in ceko, o anche in altre lingue internazionali: google translator però confondeva i significati del verbo "mancare".

E' comunque emerso che, al di là dei forti limiti di google translator, anche con le nostre conoscenze linguistiche e nonostante l'impiego del nostro De Cif, addetto alle relazioni con i paesi esteri, non è così semplice tradurre una frase "tecnica" e magari rendere l'ironia che c'è sotto.
Il "quanto manca?" viene infatti usato spesso tra i podisti, ma verso la fine di una gara, per sapere quanti metri mancano all'arrivo, o quanti giri, per regolarsi ad esempio se accelerare. Il fatto di chiederlo quando si è appena partiti (magari in una gara molto lunga) genera appunto ilarità.

Si accettano quindi suggerimenti in tutte le lingue per rendere al meglio "quanto manca?" (sottinteso "ancora")...
le forme migliori anglo/americane trovate con Moro sono nell'ordine:

how far?
how long to the finish (line)?
how long?
how long 'til the end?
how far is the finish line?

(io aggiungerei sempre "ancòra" per rafforzare l'ironia)

La traduzioni vincitrici di questo GIOCO  Wink verranno stampate su un foglio e mostrate da Roda al pubblico nei primi 500 metri di gara.

13 commenti
Per commentare devi registrarti e connetterti

Nota: i commenti sono di proprieta' degli autori, che ne sono responsabili.

  di sgorbio, 06 Maggio 2010, 10:42 permalink

¿cuánto falta?

|  
  di Shrek, 06 Maggio 2010, 14:28 permalink

Buona sfaticata!

In bocca al lupo e buon divertimento!

Ciao

 

 

|  
  di sgorbio, 12 Maggio 2010, 10:31 permalink

6 maratone affrontate

6 maratone finite!

|  
  di jazzo, 12 Maggio 2010, 12:52 permalink

bravissimi avete portato a termine la fatica tutti! vuol dire che nessuno ha capito la battuta di Roda, altrimenti lo avrebbero abbattuto sulla linea di partenza. COMPLIMENTI!!!!!

|  
  di Roda, 12 Maggio 2010, 14:21 permalink

Nessuno ha capito la battuta di Roda per il semplice motivo che Roda non l'ha fatta, concentrato com'era sulla gara. La concentrazione è stata utile nei primi 25 km, corsi molto bene. Poi, neanche quella ha potuto niente contro i crampi, che mi hanno mandato a puttane gara e tempo. Devo ancora sistemare qualcosa nella preparazione ....

|  
  di siracide, 12 Maggio 2010, 15:19 permalink

5  atleti vicentini hanno affrontato con successo i 42 km. e 195 metri nella capitale boema, guidati dall’allenatore/atleta dell’Atletica Vicentina, Siro Pillan. Con lui la sorella Sonia, una delle poche atlete italiane diabetiche insulino-dipendenti a correre la maratona (6 su 6 quelle da lei concluse), il padre Ampelio, noto allenatore dell’Atletica Vicentina, Marco Rodella e Livio Dalla Verde, primario del San Bortolo, alla sua prima esperienza come maratoneta. Ciascuno aveva i propri obiettivi, primo tra tutti quello di godersi appieno il viaggio in questa bellissima città, con famiglie e amici.

“Questa gara non era nei miei programmi” – confessa Siro Pillan, preparatore del gruppo – “L’ultima maratona corsa seriamente (sotto le 3 ore) l’avevo fatta 10 anni fa, poi a causa di vari problemi fisici mi ero limitato ad accompagnare gli atleti che allenavo, facendo loro da pace-maker. Quest’anno stavo recuperando bene e allora non ho resistito a rimettermi in gioco su questa lunga distanza, forse non proprio adatta alle mie caratteristiche. L’obiettivo era ovviemante di tornare vicino al mio personale o comunque sotto le 3 ore; Marco Rodella invece puntava alle 4 ore, Sonia a rimanere intorno alle 5 ore e Livio Dalla Verde a concludere la sua prima esperienza, indipendentemente dal tempo. Mio padre avrebbe invece accompagnato Sonia”.

Livio Dalla Verde aveva avuto problemi ad un ginocchio all’inizio della preparazione, ma poi tutto faceva ben sperare per un tempo intorno alle 5 ore. Sonia Pillan e Marco Rodella, invece, avevano accusato delle contratture nelle ultime fasi della preparazione e saltando quindi  alcune sedute d’allenamento. Schierati alla partenza però erano tutti carichi e concentrati, forti delle bellezze che li circondavano: quelle della città e quelle proprie della manifestazione. Il via è stato dato dai rintocchi del famoso orologio astronomico della piazza del municipio e poi accompagnato dalla sinfonia n.9, detta “La Moldava”, di Bedrich Smetana. Emozioni da brividi.

“Diciamo che la gara è andata bene” – continua il preparatore – “ma abbiamo tutti dovuto fare i conti con un percorso molto più nervoso del previsto.  Sulla carta, l’altimetria sembrava infatti discreta, ma poi abbiamo trovato numerose curve, cordoli, rotaie dei tram, pavè “nordico” e brevi rampe. Io stesso, regolarissimo in 1 ora e 29 a metà gara, ho cominciato a perdere secondi preziosi a causa dell’indolenzimento delle ginocchia, pur essendo per il resto ancora fresco. E quando ho visto che la media era compromessa ho deciso di divertirmi col pubblico, godermi il percorso, fermarmi a salutare la famiglia e giocare percorrendo dei tratti con una bella tecnica di marcia”.

Sorte simile è toccata anche a Marco Rodella che alla mezza segnava 1 ora e 53 minuti.

Gli altri tre atleti invece procedevano bene, assieme, ma tra il 10° e il 20° km. si è riacuttizato il dolore al ginocchio per Livio Dalla Verde. Un po’ prestino, mancando ancora due terzi di gara. La sua successiva bravura è stata quindi soprattutto mentale, rallentando opportunamente la velocità e correndo quasi sempre in solitaria nelle retrovie, senza però rinunciare alla gioia di arrivare al traguardo, col nome (stampato sulle magliette) gridato a gran voce da tutto il pubblico presente.

Ampelio Pillan ha quindi fatto anche da spola attendendo indietro per controllare le condizioni di Livio, per poi tornare al fianco di Sonia, fermandosi anche a ballare nei vari punti del percorso animati da orchestre, band e majorettes.

Quella che forse è andata meglio è stata Sonia Pillan, che, come previsto, è rimasta vicina alle 5 ore, e con lei ovviamente il 71enne padre Ampelio.

Per tutti alla fine gran bevuta di birra e nuovi progetti sportivi.

  • Pillan Siro 754° in 3h.25’04
  • Rodella Marco 3803° in 4h.36’28
  • Pillan Sonia 4515° in 5h.11’21
  • Pillan Ampelio 4516° in 5h.11’22
  • Dalla Verde Livio 4815° in 6h.16’31

Articolo ufficiale dell'addetto stampa del gruppo - seguiranno, probabilmente, versione integrale e commenti più grezzi e/o goliardici, ma assolutamente sempre veritieri

|  
  di principessa, 12 Maggio 2010, 18:57 permalink

COMPLIMENTI !

|  
  di Shrek, 13 Maggio 2010, 13:43 permalink

Complimenti! Veramente bravi e tenaci.

I miei rispetti.

Shrek

|  
  di dalle, 13 Maggio 2010, 14:49 permalink

complimenti anche da parte mia ... sinceri e grandi ...

|  
  di elmoro, 20 Maggio 2010, 14:21 permalink

Bravi! ma la prossima volta i nomi li scriverei a mano

|  
  di siracide, 20 Maggio 2010, 15:23 permalink

la prossima volta i nomi li scriverei a mano

Questa non l'ho capita, perchè?

|  
  di elmoro, 21 Maggio 2010, 13:55 permalink

per motivi estetici, ma de gustibus...

|  
  di siracide, 21 Maggio 2010, 14:21 permalink

Ok, posso capire... ed infatti le scritte solitamente usate nelle maglie sportive (calciatori etc.) sono con carattere Arial, semplice e lineare. Però essendo le nostre scritte non proprio stampate, ma saldate a caldo con una sottilissima pellicola, non volevo che gli angoli delle lettere potessero diventare dei punti deboli per eventuali sollevamenti. Ho quindi optato per Arial Rounded.

|