Natural Weight Loss Guide should become your way. Most Healthy Food can help you make positive food and nutrition choices. Anti-aging diet based on recommendations from leading health experts. Canon Digital Photo Professional Professional Photography Tips women's health encyclopedia Canon Hacker's Development Kit Photographer's Guide Canon DSLR
Benvenuto!
Connessione Salva password

Nuova registrazione Password dimenticata?

Il caso Englaro, la pietà umana e le intromissioni Vaticane Commenti
di Roda, 14 Novembre 2008 stampa
La Cassazione, con sentenza di ieri, ha, in soldoni, permesso che ad Eluana Englaro venga (dico io : FINALMENTE) staccata la spina.

Apriti cielo : riporto qui alcune parole in libertà, pronunciate tanto per dare aria alla bocca, da parte di alcuni esponenti politici.

 Il sottosegretario Alfredo Mantovano osserva che ''Una parte della magistratura rifiuta la tutela della vita umana; privilegia forme piu' o meno velate di eutanasia e di omicidio del consenziente; impone questa sua opzione al Paese violando le leggi in vigore''.


Di eutanasia parla anche il presidente emerito della Repubblica Francesco Cossiga, duro con i magistrati che colmano le lacune dell' ordinamento ''adeguandolo ai mutamenti della coscienza sociale''.

Luca Volonte' (Udc): ''la Cassazione autorizza l' omicidio di Stato''.

Secondo il ministro Mara Carfagna ''togliere l' alimentazione ad un essere umano equivale a ucciderlo''.

Il sottosegretario al Welfare Eugenia Roccella dice: ''Eluana e' la prima cittadina che morira' per una sentenza della magistratura''.

Per Roberto Formigoni, presidente della Regione Lombardia, la Suprema Corte ''introduce in Italia al condanna a morte''.

Penso che ognuno sia padrone di sparare tutte le cazzate che vuole, anche in pieno sprezzo del ridicolo; dire però che si introduce la "condanna a morte" supera ogni limite; Eluana aveva espresso il desiderio, in piena coscienza, che, qualora si fosse trovata nella situazione nella quale è, non voleva essere trattenuta in vita a forza (così dice il padre, e non ho motivo di dubitarne). Mica ha detto che "tutti" quelli nelle sue condizioni devono essere lasciati morire, ci mancherebbe altro.

Non ho ancora riportato alcune posizioni della gerarchia ecclesiastica, soprattutto per evitare di essere definitivamente scomunicato. Riporto solo questa e la dedico a tutti coloro che sostengono che la Chiesa non fa politica :

CASO ENGLARO: AGENZIA VESCOVI, ORA NUOVA LEGGE ESCLUDA MORTE PER FAME O PER SETE


INTERRUZIONE IDRATAZIONE E ALIMENTAZIONE E' EUTANASIA
Citta' del Vaticano, 14 nov. - (Adnkronos) - ''E' urgente che il Parlamento giunga ad una legge che, salvaguardando la vita delle persone in situazioni delicate, escluda che chiunque possa morire per fame o per sete''. E' quanto afferma in una nota diffusa questa mattina il Sir, l'agenzia stampa dei vescovi, facendo il punto sul caso Englaro e sulle sue conseguenze e riaffermando che idratazione e alimentazione non possono essere considerate alla stregua di cure, di medicine, la cui somministrazione possa essere interrotta. Anzi, la loro interruzione ha un solo nome: eutanasia.

Ora, un Parlamento serio, in un Paese serio, dovrebbe rispondere solo : "Cari signori, nel nostro Stato decidiamo quel cazzo che ci pare, senza che ci diciate voi cosa fare" (potrei tollerare anche un linguaggio un po' più diplomatico, a patto che il senso fosse questo).

 Ultima considerazione, la più triste di tutta la vicenda secondo me : molti, riferendosi al padre di Eluana, dicono e pensano, al di là di pelose e retoriche parole di circostanza : "ecco, sarà contento adesso di poter finalmente uccidere sua figlia".

Ecco, uno che dice o pensa così, senza pensare al dolore, al travaglio interiore, alla sofferenza di dover decidere una cosa del genere per un padre della sorte della propria figlia, tutti coloro, dicevo, godono del mio più profondo disprezzo.

4 commenti
Per commentare devi registrarti e connetterti

Nota: i commenti sono di proprieta' degli autori, che ne sono responsabili.

  di D@niele, 14 Novembre 2008, 15:50 permalink

Secondo il ministro Mara Carfagna ''togliere l' alimentazione ad un essere umano equivale a ucciderlo''.

Acuta osservazione.

|  
  di Roda, 14 Novembre 2008, 15:58 permalink
D'altra parte, la Carfagna la bocca mica la usa per alimentarsi
|  
  di Kabubi, 14 Novembre 2008, 16:17 permalink

Concordo con Roda e per un semplice motivo. Bisogna trovarsi nella situazione per poter capire: sopravvivere al proprio figlio è devastante solo all'idea (e chi ha figli mi capisce), non oso pensare chi deve decidere se farlo o meno vivere. Non mi permetto di giudicare, io non so quello che farei nella situazione del Sig. Englaro.

Penso però che debba essere data la possibilità normativa di fare la scelta.

Io, come ben sapete, non credo in dio, ma qualcuno una volta mi ha spiegato che dio (supponendo che esista) giudicherà ogni uomo al momento giusto. Ecco, penso che il Sig. Englaro (e chiunque al suo posto) ne debba rispondere a dio (se ci crede), solo la sua coscienza e nessun altro. Chi siamo per giudicare quello che un'altra persona debba o no fare?

|  
  di Naty, 16 Novembre 2008, 14:03 permalink
Nemmeno io sono credente, ma se proprio vogliamo farne una questione religiosa, penso che Dio non c'entri nulla con la decisione dell'uomo di accanirsi per tenere in vita una NON vita e che, senza lo zampino dei medici, Eluana sarebbe stata accolta in paradiso tanto tanto tempo fa, secondo la volontà di Dio. Se poi è vero che Dio ama i suoi figli, credo che sarebbe felice anche Lui di sapere che la sofferenza di Eluana e del suo povero papà stanno per finire. Perchè, per arrivare alla morte, secondo la Chiesa bisogna per forza passare attraverso il dolore? Posso capirlo parzialmente (è forse il prezzo da pagare per arrivare alla vita eterna?), ma una sofferenza così lunga, così lacerante non si giustifica in alcun modo. Al di là del discorso religioso sul quale ho cercato di riflettere nel rispetto di chi crede, penso che ognuno debba decidere della propria vita e che sia necessaria quanto prima una legge sul testamento biologico. Eluana aveva chiaramente espresso le sue volontà e poichè la vita le appartiene, è giusto che la si lasci andare. Certo, non vorrei essere nei panni del padre perchè perdere un figlio è la cosa peggiore che ti possa accadere, ma credo che saprà ritrovare la serenità che gli spetta dopo tanti anni di sofferenza.
|