Natural Weight Loss Guide should become your way. Most Healthy Food can help you make positive food and nutrition choices. Anti-aging diet based on recommendations from leading health experts. Canon Digital Photo Professional Professional Photography Tips women's health encyclopedia Canon Hacker's Development Kit Photographer's Guide Canon DSLR
Benvenuto!
Connessione Salva password

Nuova registrazione Password dimenticata?

Incidenti Notizie di varia natura
di siracide, 12 Febbraio 2008 stampa
In questi giorni fa notizia a livello provinciale e regionale (vedi tutti i tg e i radiogiornali del veneto) la sciagura capitata a Camisano Vic.no dove in un incidente sono morti 4 giovani.

Poi, nel giornale dell'altro giorno, una lettera corredata da foto mostrava le condizioni delle transenne attorno alla rotatoria di Viale Dal Verme, segno inequivocabile di numerosi incidenti.
 
In entrambi i casi sotto accusa i tratti di strada altamente pericolosi...
??? Undecided ??? Perchè?
Posso capire l'angoscia e la disperazione per i morti e la loro giovane età, ma perchè insistere, sottolineare, giustificare sempre a tutti i costi chi guida? Solo per rendere meno triste la vicenda? Non funziona, non c'è alcun sollievo.... si tratterebbe sempre di fatalità, la colpa sarebbe sempre delle strade, dei comuni, dei platani che non devono stare ai bordi delle strade...
perchè scrivere nei titoli: "La velocità era elevata, ma non eccessiva" ??? Cazz.., se è elevata, è elevata e basta! Anzi, se è elevata è già eccessiva! "Avevano bevuto, ma non oltre i limiti"...
 
Se una strada o una rotatoria è veramente pericolosa, chi la percorre 4 volte al giorno dovrebbe fare 4 incidenti al giorno, moltiplicati per 365 uguale 1460 all'anno, togliamo le feste e le vacanze e supponiamo che il tipo abbia molto culo, farebbe almeno un centinaio di incidenti all'anno... una persona! E tante altre lo stesso... allora sì, definieri pericolosa una strada o una rotatoria.
Ma, voi direte, chi la percorre 4 volte al giorno conosce bene anche le insidie di quel tratto: ebbene anche i 4 ragazzi le conoscevano, mentre io quella strada l'ho percorsa varie volte, ma non posso certo dire di conoscerla ad occhi chiusi, è piena di curve, è stretta, con la nebbia non so mai a che punto mi trovo... eppure non sono mai finito fuori strada...
(Son finito fuori strada una volta con la Uno rossa in strada di Settecà, incorciando un'altra macchina mi sono spostato troppo sul ciglio e son finito giù, ma non per colpa della strada stretta e bagnata, semplicemente andavo troppo forte, altrimenti rallentando avrei trovato spazio e tempi migliori per incrociarmi con l'altra macchina... non mi son mai sognato di portestare col comune, con gli assessori o chicchessia) per quel particolare tratto di strada
 
A me dispiace sinceramente per i ragazzi, uno era di Grumolo e conosco un po' la famiglia...
ma cosa dobbiamo fare? Solo strade diritte a 4 corsie con duecento metri di deserto ai lati? Solo rotatoria con raggio di curvatura tale da rendere la circonferenza quasi dritta???
 
Nella lettera al giornale si citava la risposta di Cicero alle critiche alla rotatoria: in sostanza rifiutava giustamente le accuse; le rotatorie o le strade possono essere brutte, inutili, fatte male, senza criteri, tutto quel che volete, ma come si insegna a scuola guida la guida si deve adattare alla strada, non viceversa...
se piove di notte, non si può guidare a fari e tergicristalli spenti ad alta velocità dicendo poi... "ehhh, una fatalità, la strada era pericolosa per la pioggia"... la strada, se sopra non c'è nessuno, non si muove, non fa nulla di nulla! Sono gli individui che la percorrono a metterne in risalto la pericolosità.
 

31 commenti
Per commentare devi registrarti e connetterti

Nota: i commenti sono di proprieta' degli autori, che ne sono responsabili.

  di sgorbio, 12 Febbraio 2008, 11:55 permalink

mi trovi pienamente d'accordo!

brutto dire se la son cercata? Si, brutto ma a volte è la cruda realtà..

Siro ed io avevamo un amico, un caro amico con cui abbiamo condiviso tantissime cose durante la nostra infanzia e adolescenza, negli ultimi anni si era trasferito in trentino e un bel giorno, anzi una bella notte,dopo aver lavorato nella sua discoteca, alle tre, ha deciso di partire per andare a passare una giornata al mare, un colpo di sonno l'ha fermato in Valsugana, strada pericolosa, si sa... Se l'è cercata, ho detto appena l'ho saputo e non finirò mai di dirlo, anche se mi costa fatica, anche se gli volevo bene...

|  
  di Io, 12 Febbraio 2008, 11:56 permalink

Spero di non toccare un tasto dolente per qualcuno di voi ma..

 

Mi dispiace per i 4 ragazzi, nessuno merita di morire giovane però quella macchina un ragazzo di 19 anni non la doveva e non la poteva guidare.

Sarò un po' troppo duro forse ma la morte di quei 4 è sulla coscienza di chi ha dato in mano quella macchina a quel ragazzo.

 

 

Tornando IT

Le colpe delle infrastrutture stradali ci sono certo nei vari incidenti che si verificano ma sono molto limitate. Come scrive Siro, chi fa il pendolare dovrebbe avere, per gli stessi motivi, 30 incidenti al mese se la colpa fosse solo delle strade.

Il grosso delle colpe è di chi guida in un certo modo e, come detto sopra, chi se ne frega di certi limiti/leggi  

|  
  di D@niele, 12 Febbraio 2008, 15:23 permalink

Sono d'accordo sul fatto che molto spesso questo genere di incidenti sono causati più da imperizia di chi guida che dalla strada, tanto è vero che spesso sono coinvolti ragazzi giovani, neopatentati che probabilmente si fidano troppo della loro fresca preparazione quando invece chi guida da tempo sa che sulla strada il rischio è sempre dietro l'angolo.

Detto questo, caro Siro, i Comuni per me hanno l'OBBLIGO di rendere le strade il più possibile sicure SE CI SONO le condizioni per farlo. Perché tu, che sei anche papà a casa tua fai il possibile perché le tue bambine che magari non hanno la tua stessa esperienza non corrano rischi, andando a toccare le prese, o andando a sbattere che ne so, sugli spigoli di un tavolino o quant'altro. Eppure anche gli spigoli se non c'è nessuno non fanno nulla. Allo stesso modo credo che rendere una strada sicura, sia un dovere, perché spesso una distrazione (che può accadere per qualsiasi motivo) può non risultare fatale se la strada ti da modo di recuperare. Quando la gente dice che su una certa strada si verificano spesso incidenti mortali, significa che per forza di cose, quella strada non è sicura e qualcosa bisogna fare.
Altrimenti ci compriamo tutti l'apecar e andiamo in giro ai venti all'ora, che sicuramente di incidenti mortali non ne facciamo più.

|  
  di siracide, 12 Febbraio 2008, 15:38 permalink

Sì è vero, si deve fare il possibile, ma in ogni caso, anche se il possibile non è stato fatto, la colpa non va data alle strade... sappiamo tutti che le infinite cose possibili non si possono fare tutte e nemmeno tente in contemporanea per svariati motivi (più o meno validi).

Infine, ricordo come noi, patentati o meno ci si trovava in oratorio o a casa di qualcuno a piedi o in bici (pur avendo, almeno alcuni, l'automobile). E quei ragazzi andavano nel centro del pasese dove abitavano e non pioveva...

Perchè non si torna a girare in bici...? Stando attenti cmq quando si va in discesa giù da M.Berico. Wink

|  
  di D@niele, 12 Febbraio 2008, 16:10 permalink

Basta, Siro, che per non dover fare infinite cose, non se ne faccia nemmeno una.

Quanto al girare in bici, si può fare per tragitti brevi, oppure lunghi ma quando si sa che si deve fare solo quello (tipo vado e torno dal lavoro). Ma se uno ha dieci impegni in vari punti della città la bici è improponibile (infatti io lapiderei tutti quelli che girano con attaccato sul retro della bici la scritta "la bici non inquina").

Fermo restando che la bici non è garanzia di sicurezza sulle strade. (Vedi Monte Berico e radice dell'albero che aveva alterato la sede stradale, ma anche in quel caso la colpa era di chi stava scendendo troppo forte, giusto Siro?). 

|  
  di dalle, 13 Febbraio 2008, 07:44 permalink
non ho capito che fastidio ti da un cartello appeso ad una bicicletta  ?
|  
  di sgorbio, 13 Febbraio 2008, 11:39 permalink

anche perchè quel cartello dice la verità. Piuttosto a me danno fastidio quelli che in bici vanno contromano, attraversano all'improvviso e girano sui marciapiedi

 

|  
  di dalle, 13 Febbraio 2008, 11:52 permalink
mi hai visto andare in bici ?
|  
  di D@niele, 13 Febbraio 2008, 11:58 permalink
Il cartello mi irrita perché non è che tutti quelli che non girano in bici lo fanno perché a loro piace inquinare. Cosiccome mi irritavano gli adesivi (che per fortuna stanno pian piano sparendo) con la scritta "bebè a bordo". Come se uno si divertisse a tamponare le macchine a seconda che dentro ci sia un bimbo o meno.
|  
  di dalle, 13 Febbraio 2008, 14:21 permalink

certo che ti irriti facilmente !

a proposito degli adesivi "bimbo a bordo" hai ragione tanto che io ne ho realizzato uno particolare che pochi hanno notato (proprio perchè confondono con il classico "bimbo a bordo") anzi potrebbe essere una bella domanda per il quiz di LLERIN: che adesivo ha Dalle attaccato al lunotto posteriore della sua automobile ? uno splendido premio per primo chi risponde correttamente !

|  
  di siracide, 13 Febbraio 2008, 17:18 permalink
bimbo alla guida, sicuramente!
|  
  di dalle, 13 Febbraio 2008, 17:22 permalink

mi sembra che le parole corrette siano BIMBO AL VOLANTE comunque Siro ha risposto correttamente e riceverà il meritato premio alla prossima bufera

|  
  di Roda, 14 Febbraio 2008, 16:02 permalink

L'adesivo più adatto a Dalle sarebbe "Bamba a bordo".

 

Cmq, concordo su tutto con Daniele.

Ma anche con Siro, nel punto in cui afferma, più o meno, che dar la colpa a qualcuno/qualcosa altro è troppo comodo. Questo però non giustifica il fatto che le strade facciano schifo : la strada della Paglia, ad esempio, è obiettivamente pericolosa, anche se non la si affronta a 100 km/h in seconda/terza/quarta/terza/quarta come faccio abitualmente io.

|  
  di sgorbio, 12 Febbraio 2008, 20:20 permalink

avevi il caschetto?

 

|  
  di elmoro, 13 Febbraio 2008, 23:32 permalink

Da quanto ho potuto notare dai dati che ho visto quando ho studiato per le cose che ho scritto sugli incidenti sul lavoro su nfa e sulla voce.info, ho dedotto che la situazione delle strade in Italia è pessima. Una conferma di quanto pensassi dall'evidenza aneddotica che ho accumulato viaggiando in diversi paesi. Quindi certamente c'è molto da fare su quel versante. Le responsabilità personali restano, ma a volte gli incidenti sono dovuti alla sfiga, e questa va minimizzata. Per esempio, perché non dotare le strade di meccanismi che facciano rallentare le auto in prossimità di rotatorie difficili?

Quanto alle responsabilità personali, è vero anche che, come per i codici civile e penale, il codice stradale è scarsamente applicato. Perché non si nota ovunque la severità usata in liguria con l'eccesso di velocità di Daniele? Perché non cominciamo a far pagare le spese dei pronto soccorso ai responsabili degli incidenti? E così via...

|  
  di Llerin, 15 Febbraio 2008, 18:33 permalink
A proposito di codici tra un po' di tempo verrà fuori che la colpa era di chi guidava e allora saranno rogne.
|  
  di dalle, 18 Febbraio 2008, 07:40 permalink
spiega meglio Lerin che a quest ora del lunedì mattina non sono pronto a messaggi ermetici
|  
  di siracide, 18 Febbraio 2008, 10:46 permalink
potevi leggerlo venerdì sera, invece di aspettare quast'ora del lunedì mattina...
|  
  di dalle, 18 Febbraio 2008, 11:04 permalink
quindi non hai capito neanche tu !Smile
|  
  di Llerin, 20 Febbraio 2008, 10:22 permalink

Visto che non è stato capito cerco di spiegare il mio intervento.

Spero che, quando passerà l'emozione del momento e si vedranno le cose con più obiettività, non ci sarà qualcuno, magari un parente o un amico delle altre vittime e spinto solo dal desiserio di ottenere denaro, di dire che chi guidava ha sbagliato e che si puo fargli causa.

Dico questo perchè non sarebbe la prima volta.

Dopo il danno, le beffe.

|  
  di dalle, 20 Febbraio 2008, 15:29 permalink

adesso ho capito

a proposito ho una domanda che hai più sembrerà abbastanza ovvia ... l'assicurazione (RC auto) copre anche i passeggeri trasportati ?

|  
  di siracide, 20 Febbraio 2008, 15:39 permalink
ovvia per tutti... quel che non è ovvio HAI più è in quale istituto AI studiato tu...
|  
  di dalle, 20 Febbraio 2008, 16:32 permalink
se invece di frantumare le uova Surprised per le "ciciade" ti rendessi utile nel rispondere sarebbe meglio Tongue out
|  
  di D@niele, 20 Febbraio 2008, 17:44 permalink
ha, he, hi, ho, hu, hipsilon.
|  
  di dalle, 21 Febbraio 2008, 07:42 permalink

mi stavo proprio chiedendo: " come mai non interviene Lele con uno dei suoi illuminanti Tongue out interventi ? " ... eccomi accontentato Cry ! geniale come sempre Undecided

|  
  di D@niele, 21 Febbraio 2008, 09:25 permalink

Se sussistono tutte le condizioni, con il modulo CAI sia a 2 che a una firma, il trasportato viene risarcito dalla compagnia assicuratrice mandataria, cioè da colei che ha in carico e gestisce il sinistro.Nei casi di cui sopra è la compagnia della vettura che ha ragione, ma paga solo se l'invalidità permanente non supera il 9%. Per gli altri casi ci si rivolge alla compagnia di controparte.
Innanzitutto anche il conducente della vettura che ha subito il sisnistro, nel denunicare il fatto x la richiesta dei danni, deve riportare nella dichiarazione i nomi e le generalità dei terzi trasportati che sono rimasti lesi.
Nella lettera come oggetto di mette Richiesta di risarcimento danni.Poi.io sottoscritto........con tutti i dati anagrafici, richiedo a questa Spett.le compagnia il risarcimento dei danni subito a seguito del sinistro del........avvenuto a.....ecc ecc, mentre mi trovavo come passeggero a bordo della vettura..........targata........condotta dal signor...........La responsabilità del sinsitro è stata della vettura.....targata.condotta da............che....(spieghi la dinamica dell'incidente).Si lasciano i recpaiti telefonici e ci si mette a disposizione a fornire eventuali certificati medici e si richiede la nomina di un perito medico legale per l'apertura del sinistro infortunio.
Va allegata la copia del referto di Pronto Soccorso e le copie di eventuali testimonianze con copia del documento d'identità.
Scrivi che se non si avrà risposta nei termini stabiliti dalla legge, il sottoscritto si avvarrà dell'aiuto di un legale con conseguente aggravio si spese.
La richiesta sempre con raccomandata a/r per avere come prova la data di spedizione.
Se poi l'invalidità permanente supera il 9%, per il risarcimento il sinsitro viene trasferito alla compagnia di controparte, cioè quella della vettura che ha causato il sinistro.

Bastava fare una ricerca di 30 secondi su internet...

|  
  di dalle, 21 Febbraio 2008, 10:00 permalink

la mia domanda faceva riferimento al caso da cui tutto era partito ed al successivo intervento di Llerin

Llerin prevedeva la possibilità che qualche congiunto dei defunti trasportati chiedesse un "indennizzo" (non so se è il termine corretto) alla famiglia del conducente dell'auto che, da quanto sembra, è il solo responsabile dell'incidente

io volevo sapere se la normale RC auto copre questo caso - anche se mi sa che con i massimali che per sinistro che ci sono sarebbero insufficienti a "risarcire la morte di 3 diciottenni" - tutto qua ...

|  
  di D@niele, 21 Febbraio 2008, 10:44 permalink
Ho sentito il mio amico Gigi assicuratore.

Lui mi ha detto che le famiglie delle vittime verranno indennizzate secondo il massimale previsto per i danni a cose e persone. Attualmente il minimo di legge è di 800mila euro (poi ogni compagnia può aumentarlo a discrezione). Diciamo quindi che se l'autista è colpevole di quanto accaduto (come pare), ogni famiglia prenderà a partire dai 270mila euro di indennizzo.
In generale poi nel caso l'autista sia sotto l'effetto di droghe, l'assicurazione paga le vittime ma può rivalersi sulla famiglia dell'autista stesso, mentre alcune assicurazioni, ma non tutte, riservano lo stesso trattamento per la guida in stato di ebbrezza.

|  
  di dalle, 21 Febbraio 2008, 11:10 permalink

così mi piaci !Wink

preciso, puntuale ed efficiente !!Cool

P.S.: hai voglia/tempo di tornare ad allenare una squadra di pulcini ?Laughing

|  
  di D@niele, 21 Febbraio 2008, 11:41 permalink

Voglia ne avrei, ma mi manca il tempo, purtroppo.
Casomai ne riparliamo quando ci si vede.

|  
  di sgorbio, 21 Febbraio 2008, 18:31 permalink

Aggiungo che passeggeri e trasportati sono risarciti anche se familiari del conducente. La famiglia del conducente invece non prende niente.

 

|