Natural Weight Loss Guide should become your way. Most Healthy Food can help you make positive food and nutrition choices. Anti-aging diet based on recommendations from leading health experts. Canon Digital Photo Professional Professional Photography Tips women's health encyclopedia Canon Hacker's Development Kit Photographer's Guide Canon DSLR
Benvenuto!
Connessione Salva password

Nuova registrazione Password dimenticata?

Magagne Tecnologiche Scienze e Ricerca
di siracide, 11 Gennaio 2008 stampa
Prendo spunto dall'articolo antibufale di Daniele e da alcune notizie di cronaca per meditare sui problemi della tecnologia imperante. Mi riferisco ai problemi di gestione e di bypass nell'utilizzo delle tecnologia.

In questi giorni infatti si legge di un intero condominio imprigionato a causa dei cancelli elettrici inutilizzabili. Tutti i telecomandi infatti non funzionano per numerose interferenze provocate dai telefoni cordless delle abitazioni.
Il 28 settembre 2003 durante il famoso lungo blackout (mentre io e mia sorella correvamo la stracittadina a Padova), il nostro socio Zanna si scontrava col fatto di avere tutte le tapparelle di casa motorizzate. Emergeva che in caso di mancanza di energia, durante il giorno, con un sole splendido e con un caldo boia, rimani chiuso in casa al buio e senz'aria essendo inutilizzabili luci, condizionatori e finestre.
In molti con l'auto nuova si sono posti il problema degli alzacristalli elettrici: che fare se si bloccano (magari aperti d'inverno con la pioggia)?
E poi le chiusure centralizzate: le prime erano elettriche e anche meccaniche, in quanto la chiave funzionava comunque al solito modo meccanico. Adesso sembra di avere la doppia alternativa, ma in realtà le chiavi sono anch'esse elettroniche con chip di riconoscimento etc..
I nuovi pc totalmente (s)collegati wireless con tastiere, mouse, cellulari blutooth, router wifi etc. subiscono interferenze e necessitano di elaborati processi di protezione da esse (io mi terrò finchè posso anche i miei amati cavi e cavetti).
A Parigi nella biblioteca hanno dovuto disabilitare il wifi perchè i dipendenti che passavano più di ogni altro il loro tempo esposti alle onde elettromagnetiche soffrivano di alcuni malesseri. (ma questo è un argomento un po' al limite e un po' debole in alcune conclusioni).
Se manca la corrente non possiamo usare il telefono cordless e se in casa non ce n'è uno tradizionale, niente telefono!
Se manca la corrente e non abbiamo in casa accendini e/o fiammiferi (chi li tiene più se non è fumatore? a cosa gli dovrebbero servire?) non possiamo più accendere il fornello.
Le nuove foto e i nuovi filmati non sono più su carta kodak o su videocassette... le foto possono durare centinaia d'anni, le videocassette forse anche (ne ho alcune che hanno ormai 25 anni).
I nuovi supporti ottici cd e dvd sono invece soggetti a frequenti errori informatici o a piccoli danneggiamenti che ne compromettono l'utilizzo. Gli hard disk sono un po' più affidabili ma anch'essi possono incorrere in problematiche di questo tipo.
Ecco allora che passiamo sempre più parte del nostro tempo nell'aggiornare i sistemi e le tecnologie, nel duplicare il tutto in modo da renderlo compatibile con le novità, nel salvare in vari modi il salvabile con backup periodici. Poi scopriamo che quel backup in realtà, se ne avessimo avuto bisogno, sarebbe risultato inutilizzabile per vari motivi. Allora salviamo i documenti nei files però ce ne stampiamo una o due copie su carta.
CD, DVD e Hard Disk rovinati sono recuperabili, con alte percentuali di successo se abbiamo tecnologie specializzate avanzate e costose, con percentuali minime o nulle per l'utente normale.
Ecco quindi che settore del "disaster recovery" è sempre più attivo e l'ansia da backup pure. Siamo in moto come in un formicaio in subbuglio, pronti a duplicare, salvare, stampare, archiviare, fotocopiare, inscatolare, recuperare, risalvare, trasformare e salvare in altro formato. Per non parlare dello stress che si accumula per meditare, progettare, organizzare e mettere in pratica queste operazioni.
...poi ci vorrebbero salvataggi ridondanti su più dischi per archiviare i nostri dvd e le nostre foto digitali.
Speriamo che ci rimanga la voglia e il tempo di farne ancora di foto e filmati ! Undecided

3 commenti
Per commentare devi registrarti e connetterti

Nota: i commenti sono di proprieta' degli autori, che ne sono responsabili.

  di Presidente, 11 Gennaio 2008, 18:23 permalink
mmmhh il soggetto presenta chiari sintomi di stress da mixaggio filmati buferiani
|  
  di Llerin, 12 Gennaio 2008, 18:57 permalink

La tecnologia dovrebbe servire all'uomo.

Invece, mi pare di vedere che sia l'uomo diventato schiavo della tecnologia.

E' una banalità ma andava detta.

|  
  di Roda, 15 Gennaio 2008, 09:00 permalink
Dopo la frase di oggi, che ne segue molte altre, LLerin è eletto fino al 2015 nuovo "King of Banality"
|