Natural Weight Loss Guide should become your way. Most Healthy Food can help you make positive food and nutrition choices. Anti-aging diet based on recommendations from leading health experts. Canon Digital Photo Professional Professional Photography Tips women's health encyclopedia Canon Hacker's Development Kit Photographer's Guide Canon DSLR
Benvenuto!
Connessione Salva password

Nuova registrazione Password dimenticata?

Llerin

Il socio Andrea Cerin

llerin

nome buferiano Llerin e chiamato solitamente così o, qualche altra volta, Andrea o Cerin (abbastanza usato nonostante l'omonimia col socio Late)

[ndr. questo profilo è datato 1999]  Il socio Cerin ha 31 anni ed è sposato, ed ha un figlio, Enrico, di pochi mesi. Il dottor Andrea Cerin è anche lui, come il Professor Moro, un luminare in materie economiche, ma la sua specializzazione è più incline al ramo fiscale. Non per niente i suoi amici buferiani si sono sistematicamente affidati a lui, per le loro pratiche fiscali relative alle varie dichiarazione dei redditi che ogni anno devono compilare.

Ad ogni bufera, Andrea viene tartassato dagli altri soci, con canti del tipo "paga la cena, Andrea paga la cena", oppure "Cin cin, Andrea Cerin, basame el...", che sono solo i più gettonati. E' difficile spiegare il perché di questo accanimento verso il caro Lerin; forse perché le cose che dice sono troppo intelligenti per le menti dei soci buferiani, per cui, non capendo quello che dice, i soci si sfogano nei canti, cercando di metterlo in ridicolo (sempre nel senso buono, però).

Da quando si è sposato, Andrea vive con sua moglie, ma ad arricchire il menage familiare c'è anche Tommy, un simpatico micetto, grande amico del socio Scalchi, che di solito se ne sta tranquillo sopra ad una sedia a dormire. Questo fino a quando non ha appunto avuto a che fare con lo Scalchi, il quale, non pago dei collassi cardiovascolari procurati a Gaetano, il micio del Presidente, ha pensato bene di traumatizzarlo al punto che, quando i due si vedono, uno fa le bave alla bocca, l'altro fugge terrorizzato sotto al letto matrimoniale. Questo ha avuto terribili ripercussioni sull'equilibrio psicofisico di Tommy, il quale, per fare un concreto esempio, un giorno ha deciso di farla finita, gettandosi dal terrazzo dell'appartamento, che non è sito al primo piano, bensì al terzo. Da quell'evento i soci buferiani chiamano il micetto "Tommy de Gaiardon", legittimo erede e successore del defunto Patrick, noto e spericolato paracadutista estremo.

Il nostro Andrea è, come tutti i geni, un po' distratto.
Famosa è una sua disavventura capitatagli una delle tante mattine di lavoro quando, oramai avviato verso l'ufficio, si accorgeva di avere due modelli di scarpe differenti.
Ricordiamo con letizia anche quando, sempre andando al lavoro, lasciava di fianco alla macchina la sua 24ore, partendo a razzo e lasciando la valigetta incustodita sotto casa.
Una simpatica vicenda, che ha fatto particolarmente divertire i soci, è avvenuta durante le festività Natalizie, quando il nostro Cerin ha deciso di fare il Presepe. Niente di strano, direte voi. Purtroppo Andrea ha pensato bene di fare i viottoli con quella particolare sabbia che si usa per i bisogni del gatto. Lasciamo all'immaginazione il seguito della storiella, che si è diffusa velocemente, nell'ambiente buferiano, suscitando il diletto dei soci.
Un'altra storiella degna di nota è stata raccontata ai buferiani dalla moglie (come del resto tutte le altre storielle), la quale questa volta ha chiesto al figlio l'assenso per poterla raccontare. Voci di corridoio bisbigliano che EC (Enrico Cerin) abbia dato l'assenso con un convinto cenno del capo. Ma veniamo ai fatti: un mattino di qualche mese fa, il nostro dottore si apprestava ad andare al lavoro. La moglie era in poggiolo per stendere la biancheria. Cosa fa il nostro eroe? Va dalla moglie, la saluta e la bacia, esce, chiude la porta del poggiolo, e va al lavoro. Paola, la moglie, spaventata non tanto per essere chiusa fuori, quanto per il figlio chiuso dentro in casa da solo, è riuscita a farsi sentire da una vicina, la quale ha chiamato il Cerin in ufficio, il quale è prontamente tornato. Non è dato sapere la quantità di epiteti che gli ha rivolto la moglie al suo ritorno.

Il socio Cerin, comunque, è una persona in gamba, perché, conoscendo quelle brave persone che sono i suoi amici, lascia correre e non si arrabbia mai, nelle occasioni in cui si raccontano storielle come quello che sono qui in calce, e questo fa di lui un gran simpaticone.